Sei il sogno che comincia nel momento in cui mi sveglio…

Ho scelto questa canzone perfetta per descrivere quello, anzi, chi mi tormenta in questo periodo. Ebbene si, è successo, dopo non so quanto tempo che la sottoscritta abbia sentito il suo cuore esplodere nel petto, ha sentito i neuroni impedirle di parlare nel vedere l’oggetto dei miei deisderi avvicinarsi e sorriderle.

Lui è il tipico ragazzo che quelle come me possono solo definire “irragiungibile” siamo veramente due personalità opposte eppure c’è qualcosa, oltre alla sua bellezza, che mi attira come una calamita. Ora, non pensate che tra noi ci sia chissà quale dialogo visto che è niente popò di meno che il mio istruttore in palestra, ma quei frammenti di conversazione che abbiamo e i suoi sorrisi valgono più di qualsiasi fiume di parole che uno qualunque possa dirmi.

Sarà sleale ma lui ha il profilo pubblico su facebook e io lo spio, ecco l’ho detto, voi vi starete chiedendo: perchè non lo aggiungi? PERCHE’ HO PAURA!Mi vergogno terribilmente, anche se non ci sarebbe niente di male. Sembra strano, come un semplice profilo su un social possa farti capire tanto di una persona.

In questi giorni non mi sono allenata perchè ho preso un colpo della strega e sono rimasta bloccata, domani non penso ancora di andarci quindi se ne parlerà mercoledì, mio Dio sono folle ma mi manca.

Il problema è sapere che lui resterà un’utopia per me, perchè voglio dire, non potrebbe mai accorgersi di me; ma mi piace anche il suo flirtare con me, si sa come sono i ragazzi fighi e sicuri di sè perciò mi godrò questa cosa cercando di restare il più lucida possibile e cercando di ignorare il desiderio che mi accende quando lui mi si avvicina.

Ciao Ale, ovunque tu sia stasera, questa canzone la dedico a te.

Annunci

forse i sogni a volte, si realizzano.

Lo sapete che ho la passione per le Serie tv americane, ma forse non sapete che ho anche la passione per la scrittura. Frequentavo, infatti, il corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, finchè per problemi personali non ho dovuto lasciare, forse sbagliando. Il mio sogno è quello di diventare scrittrice di romanzi o giornalista, ma per le riviste. Tutto questo lo avevo messo da parte, fino all’altro giorno, quando una ragazza che non conosco mi contatta su FB per dirmi che ha letto i miei commenti simpatici sulle serie tv in un gruppo e le piacerebbe che recensissi due serie tv nel suo giornale on line, giornale non solo abbastanza seguito, ma che collabora con il sito TV Show Manager, proprio sulle recensioni. Ovviamente il tutto non è retribuito, ma di questi tempi, non faccio la schizzinosa anzi, mi basta anche solo unire le mie passioni e poi perchè no, forse qualcuno mi noterà. Comunque per le 16.30 il mio primo articolo, sarà pubblicato, vi passo il link del blog cosi potrete dare un’occhiata.

Ciao Angelo Elegante

Cosi recitava quel cartellone che i tuoi amici hanno appeso fuori dalla chiesa del tuo quartiere, ed è verissimo, eri anzi sei un angelo elegante e bellissimo; il Signore ti ha chiamato a te troppo presto e io porto con me il rimpianto di non essere stata una cugina con la C maiuscola, purtroppo tutti noi in famiglia ci siamo lasciati prendere dalle liti degli adulti e non abbiamo pensato che invece dovevamo volerci bene e non dico vederci tutti i giorni, ma almeno sentirci, invece adesso è troppo tardi e non so se ci credo oppure no, ma probabilmente hai sentito tutto ciò che ti ho detto mentre giacevi li freddo e immobile e spero tu mi abbia perdonato. Ieri il parrocco ha detto una cosa giusta, hai fatto il miracolo di riunirci tutti, ma forse non era necessario il tuo sacrificio.

A parte i rimpianti, portiamo dietro tanta rabbia, perchè se solo fossi stato più seguito; non avresti seguito certe persone e forse quell’incidente si poteva evitare. Le leggi in Italia sono nulle, anzi inesistenti, sono anni che parliamo di omicidio stradale e nessuno lo mette in atto, quel bastardo che ti ha ucciso la passerà liscia, ma tu che ci sei andato a fare in macchina con lui? non eravate amici stretti, si vedeva che aveva bevuto, potevi trovare un altro passaggio, poi lui e il tuo amico stanno benissimo e tu non ci sei più.

Hai lottato in coma per 5 giorni, il tuo cuore giovane di 21 enne era forte e il resto del tuo corpo non aveva un graffio, la cosa più assurda è questa: la macchina ha fatto testa coda e ad urtare contro i vetri e contro il rimorchio del tir è stato proprio il tuo bellissimo viso e la tua furbissima ed esuberante testa, come se, qualcuno abbia voluto punirti e toglierti quello che avevi e che sappiamo ti piaceva mostrare, ma amore mio, era ben visibile quanto figo tu SEI, non mi piace parlare di te al passato e poi confido che lassù hai ancora i tuoi occhi, il tuo naso, la tua bocca e la tua pelle perfetti.  Per fortuna ci sono i social network, dove anche se non si è amici, si possono recuperare le foto, almeno ho potuto vedere l’uomo che sei diventato. Non sai cosa avrei dato per guardarti addormentato e invece ti hanno dovuto coprire tutto il volto, ma ti dico un segreto: quando siamo scesi in obitorio e zia Lina ha alzato il lenzuolo che ti copriva ho lanciato uno sguardo veloce e ho potuto solo constatare che ti hanno sfigurato, povero Angelo, per fortuna ti sei “addormentato subito” e non hai ne sentito il dolore e ne visto nulla.

Spero che la tua storia insegni qualcosa a tutti noi giovani, non ci serve bere, correre con le auto e sopratutto dire si a tutto quello che fanno gli altri per essere “macho” , la vita è una e una volta che è andata, non ci ritorna più indietro. Pensate ai vostri genitori, io ho visto il dolore dei miei zii e vi posso assicurare che non è niente di piacevole, è solo straziante.

Riposati Mario,  ci vediamo prima o poi  e recuperermo tutto.

 

Mi sono innamorata di lui come ci si addormenta, piano piano e poi profondamente

Non è un caso se ho usato tale frase, la frase che pronuncia Hazel quando capisce che non può più negarsi e negare ad Augustus la voglia di vivere il loro amore nonostante le “stelle avverse”.

Il punto è che non è come pensate, non mi sono innamorata di un ragazzo della porta accanto, ma di lui: Ansel Elgort!

Non vi posso nemmeno narrare la mia espressione quando ho scoperto che abbiamo 3 anni di differenza, io sono sempre quella che preferisci i ragazzi “più grandi” e sopratutto ragazzi dalle fattezze fisiche totalmente diverse da lui, eppure me ne sono innamorata. Lo so potremmo dire che mi sono innamorata di Augustus Waters in realtà, ma io vi risponderei che mi sono innamorata ANCHE di Augustus Waters ma quello è inevitabile.

E’ che questo ragazzino ha un sorriso che storidisce, che ti contagia e poi è semplice, non ha quella bellezza tipica di un attore che salta all’occhio. Poi è anche un DJ e io adoro l’electro music; ho scoperto che adora guardare “Hell’s kitchen” e tutti i programmi di chef Ramsey proprio come me aahahaha.

So cosa state pensando, sono una folle, ma no sono solo una fangirl innamorata.

Mia madre è ormai preoccupata per il fatto che io vedo “colpa delle stelle” almeno una volta alla settimana, ma io sono più che convinta che non mi faccia male e poi ho visto tutta la sua filmografia ovvero Divergent e Carrie, ora aspetto Men, Woman and Children e Insurgent al cinema. ^^

anselsmile

Colpa delle stelle (fault in our stars)

Lunedì sono corsa al cinema a vedere questo capolavoro, nonostante non abbia (ancora) letto il libro. Qualcuno può pensare che è la solita storiella da adolescenti smielati e invece no, è la storia di ragazzi poco più che adolescenti come ce ne sono tantissimi al mondo, che lottano contro il cancro e di cui quasi nessuno parla, per paura o per ignoranza.

John Green ha avuto un grande coraggio a trattare quest argomento delicato con tutta la naturalezza del mondo e ha fatto centro, io ho perso due nonni per colpa di questo male assurdo, quindi ero pronta a tutto eppure mi sono emozionata profondamente, ma ancora mi chiedo se mi sono commossa per Hazel e Augustus o per me.

Questo film mi ha fatto riflettere tanto su diversi aspetti della vita e non posso che consigliare a tutti di andare a vederlo o leggere il libro, che sicuramente sarà il mio prossimo acquisto in libreria.

Quel che so per certo è che abbiamo tutti bisogno di qualcuno che si ricordi di noi per sempre anche se il suo percorso con noi ha avuto i giorni contati.

 

 

 

 

una-scena-tratta-dal-film-colpa-delle-stelle